lastre di vetro Float

IL PROCESSO DI FABBRICAZIONE
DEL VETRO "FLOAT"


e i relativi prodotti trasformati:
I TEMPERATI - GLI STRATIFICATI - I VETROCAMERA



lastre di vetro Float

" V E T R O & G L A S S "
milano - italia


TECNICA E ARTE DEL VETRO PIANO - TECHNIQUE AND ART OF FLAT GLASS
tutto il vetro per arredamento e decorazione di interni
prodotti - materiali - lavorazioni - servizi - informazioni


Arredamento e Decorazione di Interni a Minorca - Spagna
Arredamento e Decorazione di Interni a Minorca - Spagna
Rob Demätt
Menorca - España
Ciutadella - Menorca - España
Arredamento e Decorazione di Interni a Minorca - Spagna
Rob Demätt


IL PROCESSO DI FABBRICAZIONE
DEL VETRO "FLOAT"
schema del processo di fabbricazione del vetro Float
schema del processo di produzione del vetro Float
IL VETRO "FLOAT" E' NOMINATO
SPESSO NEL NOSTRO SITO

viene così chiamato dal nome del più diffuso
procedimento di produzione industriale del vetro,
"FLOAT" appunto, messo a punto da Sir Alastair
Pilkington (Gran Bretagna) alla fine degli anni '50

il nome Float viene dal verbo Inglese "to float"
che significa "galleggiare" e deriva dal fatto che,
ad un certo punto del processo, il nastro di vetro
in formazione si trova a galleggiare su uno strato
di stagno fuso (liquido)

più del 90% del vetro prodotto a livello mondiale
è ottenuto con il metodo Float
l'intero processo di fabbricazione Float, dalla miscelazione delle materie
prime all'immagazzinamento delle lastre di vetro, è interamente automatizzato
e controllato da computers
LA LINEA DI
FABBRICAZIONE "FLOAT"
linea di produzione del vetro Float
la sua lunghezza è di circa 450 metri

da sinistra a destra nella figura a lato:
- alimentazione con materie prime
- fornaci di fusione
- primo raffreddamento su stagno fuso
- forno di ricottura
- taglio delle lastre di colata
- carico lastre su mezzi di trasporto
sabbia silicea
LE MATERIE PRIME
i componenti principali usati per la
fabbricazione del vetro Float sono:

un vetrificante - sabbia silicea (73%)
uno stabilizzante - carb. di calcio (9%)
un fondente - solfato di sodio (13%)
altri componenti - 5%

una volta dosati e miscelati, a questi
viene aggiunta una certa massa di
vetro riciclato, in frammenti, per diminuire
il consumo di gas delle fornaci di fusione
frammenti di vetro Float che verranno riciclati
la fornace di fusione
la miscela di materie prime, opportunamente
dosate in un silo, passa su un nastro
trasportatore e viene immessa in una fornace
di fusione a cinque camere dove viene portata
a temperatura di circa 1.500 gradi Centigradi
LA FUSIONE
la fornace di fusione
primo stadio di raffreddamento su superficie di stagno fuso
IL BAGNO DI STAGNO
all'uscita dalla fornace di fusione, la massa di vetro fuso
viene portata a galleggiare sulla superficie di un bagno di
stagno fuso, alla temperatura di circa 1.000 °Centigradi

il vetro, che a questa temperatura è molto viscoso, e lo
stagno, che invece è molto fluido, non si mischiano e la
superficie di contatto tra loro risulta piana e liscia

il vetro forma così un "nastro" di 3.210 mm di larghezza
con uno spessore che può variare da 2 a 19 mm
il vetro lascia il bagno di stagno ad una temperatura
di circa 600 °C ed entra, ormai allo stato solido, in
una camera di ricottura passando su una serie di rulli

questa fase del processo di fabbricazione serve a
ridurre le tensioni interne consentendo che il nastro
di vetro, reso assolutamente piano, possa essere
tagliato in lastre senza problemi

le superfici del nastro di vetro sono perfettamente
lisce e brillanti e non necessitano di ulteriori finiture
LA RICOTTURA
camera di ricottura
controllo qualità in linea del vetro prodotto taglio del nastro di vetro in lastre di colata
TAGLIO

STOCCAGGIO

SPEDIZIONE
terminata la fase di raffreddamento, il nastro di
vetro viene sottoposto ad una serie di controlli
molto rigorosi, quindi viene lavato ed asciugato

a questo punto viene tagliato in "lastre di colata"
aventi dimensioni di 3.210 x 6.000 mm

sono queste le più grandi lastre di vetro Float
reperibili in commercio
trasporto delle lastre al magazzino
lastre di vetro in attesa di spedizione
le lastre di vetro Float sono disponibili solo nei
seguenti spessori:

2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 8 - 10 - 12 - 15 - 19 mm

il vetro Float è prodotto in due versioni:
"normale", con la sua caratteristica leggera colorazione tendente al verde,
ed Extrachiaro, praticamente incolore e molto più costoso;
quest'ultima versione è quella che viene impropriamente chiamata "cristallo"
casse di vetro Float pronte per la spedizione ai clienti
alcune grandi vetrerie utilizzano le lastre di colata (3.210 x 6.000 mm)
noi usiamo, normalmente, lastre più piccole: 3.210 x 2.000 oppure 3.210 x 2.500 mm

IL VETRO "FLOAT"
I PRODOTTI TRASFORMATI

I VETRI TEMPERATI
forno per tempera
forno per la tempera del vetro
la "tempera" (o tempra) è un trattamento termico a cui si
sottopone una lastra di vetro per aumentarne di molto,
fino a oltre quattro volte, le caratteristiche di resistenza
meccanica a flessione e di resistenza allo shock termico

consiste nel portare la lastra di vetro, in un forno adatto,
alla temperatura di circa 700 °C e poi di raffreddarla
bruscamente; questo procedimento genera all'interno
della lastra delle tensioni che si oppongono alle forze
esterne di flessione

in caso di rottura, le tensioni si liberano istantaneamente
causando lo sbriciolamento del vetro in piccoli frammenti
inoffensivi; per questo comportamento, il vetro temperato
è considerato prodotto di sicurezza per le persone
esempio tipico di applicazione dei vetri temperati sono i
finestrini laterali di autovetture; altri impieghi sono: divisori
box doccia e protezioni in genere - vetrate e finestrature
scaffali e mensole - piani di tavoli e tavolini - mobiletti per
arredamento - ecc.

i vetri temperati sono anche impiegati nella fabbricazione
di vetri stratificati e di vetrate isolanti (vedere più avanti)

le lastre temperate non possono più essere tagliate
o forate; queste lavorazioni devono pertanto essere
eseguite prima dell'operazione di tempera

i vetri temperati, a causa dello stato tensionato, possono
presentare, sia pure abbastanza raramente, il problema
della rottura spontanea

dal punto di vista della sicurezza, il vetro stratificato (vedi
sotto) è più "sicuro" del temperato; a parità di spessore,
però, un vetro temperato è di gran lunga più "robusto" di
un vetro stratificato >
un impiego particolare dei vetri temperati, nel campo
dei materiali per arredamento, è rappresentato dal
cosiddetto vetro "Diamante"; si tratta di un vetro
temperato stratificato tra due lastre di normale Float
vetro "Diamante" o "Craquelè"
dopo la stratificazione, si provoca la rottura del vetro
temperato assestando un colpo su uno dei suoi spigoli;
il vetro temperato si sbriciola in piccoli frammenti che
però vengono tenuti insieme dalle due lastre esterne

il vetro "Diamante", detto anche "vetro craquelè", può
essere usato per piani di tavolo, divisori, scalini, ecc.

I VETRI STRATIFICATI
vetro stratificato con PVB
vedere la pagina dedicata
a questa
importante tipologia di vetri

LE VETRATE ISOLANTI - dette anche VETROCAMERA o DOPPI VETRI
attenzione: noi non realizziamo vetrate isolanti
schema di vetrata isolante
una "vetrata isolante" è un pannello, utilizzato per finestre e a volte per
porte, formato da almeno due lastre di vetro separate da distanziatori
incollati con continuità lungo il perimetro e assemblato in fabbrica con
l'impiego di diversi procedimenti di sigillatura dei bordi

ciascuna delle lastre, a seconda dei risultati che si vogliono ottenere,
può essere costituita da: vetro Float normale, vetro temperato, vetro
stratificato, vetro basso-emissivo, ecc.

i distanziatori, normalmente di alluminio e disponibili in vari spessori,
contengono sali disidratanti per impedire la formazione di condensa
all'interno dei due vetri; il materiale di solito usato per la sigillatura dei
bordi è il silicone
l'effetto delle variazioni di temperatura esterna e/o della pressione
barometrica dell'atmosfera e/o dell'altitudine, fa contrarre o espandere
l'aria secca o il gas presente nell'intercapedine fra i vetri inducendo,
di conseguenza, flessioni nelle lastre di vetro che provocano immagini
riflesse leggermente distorte
sezione di vetrocamera
tali deformazioni non possono essere eliminate e non rappresentano
un difetto della vetrata isolante; l'entità del fenomeno dipende, in parte,
dalle dimensioni delle lastre e dalla larghezza dell'intercapedine:
dimensioni piccole, vetri spessi e intercapedini limitate riducono tali
flessioni in maniera significativa >
la condensazione esterna, sulle vetrate isolanti, può verificarsi
sia verso l'interno che verso l'esterno dell'edificio: quando è
all'interno dell'edificio, è dovuta principalmente ad un alto grado
di umidità nell'ambiente (bagni, cucine, ecc.) associato ad una
bassa temperatura esterna; se invece compare all'esterno
dell'edificio, la condensazione è dovuta alla perdita notturna di
calore della superficie esterna del vetro, associata ad elevata
umidità (in assenza di pioggia) nell'atmosfera esterna

questi fenomeni non costituiscono difetti della vetrata isolante,
essendo dovuti alle condizioni atmosferiche

la presenza di condensazione all'interno della vetrata isolante è
invece sempre segno di prodotto difettoso

quando le superfici delle lastre di vetro sono perfettamente
parallele e la qualità delle superfici stesse è alta, il vetrocamera
mostra colori di interferenza; questi consistono in righe di colore
variabile causati dalla scomposizione dello spettro della luce; se
la fonte di luce è il sole, i colori variano dal rosso al blu; questo
fenomeno non è un difetto ma una caratteristica dei vetrocamera
le vetrate isolanti vengono impiegate principalmente per ottenenere,
nel caso di finestre e di porte-finestre, un buon isolamento termico
e un efficace isolamento acustico; l'isolamento acustico può essere
notevolmente aumentato usando lastre di vetro stratificato oppure
riempiendo l'intercapedine con gas speciale anzichè con aria secca

normalmente i vetrocamera sono formati da due semplici lastre di vetro
Float; se però si hanno delle esigenze particolari, in fatto di isolamento
termico, occorre impiegare lastre di vetro speciali; a questo scopo ci si
deve rivolgere ad una vetreria specializzata o contattare direttamente la
Saint Gobain - Italia (www.saint-gobain.it) >
un impiego speciale dei "doppi vetri" consiste nell'usarli per la
protezione delle delicate vetrate legate a piombo, inserendole
al loro interno

noi non produciamo vetrate isolanti ma per alcuni impieghi
possiamo fornire due tipi di "vetrate isolanti decorate":

- vetro interno costituito da una vetrata in vetrofusione
- oppure
- vetro interno e/o esterno con motivi decorativi sabbiati
note tratte dal "Manuale Tecnico del Vetro" edito dalla Saint Gobain - Italia

I NOSTRI CLIENTI: AZIENDE - PRIVATI

attenzione!
CONSEGNE E SPEDIZIONInostra consegna o spedizione per corriere

in funzione della località di destinazione e del prodotto
(tipo, dimensioni, peso e valore) consegne e/o spedizioni
sono soggette a limitazioni

segnalateci sempre se intendete provvedere voi al ritiro
attenzione: consegne e spedizioni soggette a limitazioni!


IL MEGLIO DI "VETRO & GLASS"
arredare con il vetro
costruire con il vetro

vetrate con legatura a piombo e Tiffany
VETRATE LEGATE A PIOMBO



attenzione!
SIETE UN'AZIENDA DELLA LOMBARDIA ?
VOLETE ENTRARE A FAR PARTE DEL SITO "VETRO & GLASS"
PER LA VOSTRA PROMOZIONE SU INTERNET ?
CONTATTATECI
attenzione!
QUESTO SITO
POTREBBE INTERESSARE
A QUALCHE VOSTRO AMICO O COLLEGA ?
SEGNALATEGLIELO - GRAZIE !

"VETRO & GLASS" - www.robgrosso.it
AVETE UN SITO INTERNET
COMPATIBILE COL NOSTRO ?
VI PROPONIAMO DI SCAMBIARCI UN LINK
CON LOGO E DESCRIZIONE DEI CONTENUTI

INVIATECI UNA E-MAIL

SERVIZI PER LE AZIENDE DEI SETTORI VETRO - ARREDAMENTO - ARTE
PRODOTTI

DESIGN DI NUOVI PRODOTTI

OTTIMIZZAZIONE E RESTYLING
DI PRODOTTI ESISTENTI
INTERNET

PROGETTAZIONE SITI WEB

AGGIORNAMENTO E MANUTENZIONE SITI
VENDITE / EXPORT

RICERCA DI NUOVI CLIENTI

ASSISTENZA COMMERCIALE
PER CLIENTI ESISTENTI


contatori e statistiche web aprite il  motore di ricerca di Google